Ad un costo…

Ad un costo…

E.cut e macchine utensili convenzionali, comprese erosioni a filo.
Qual’ e’ la differenza fondamentale ?   Il costo, ma ancora di piu’, il costo di esercizio !
La  lavorazione di molti materiali moderni con caratteristiche eccezionali, comporta spesso problemi di taglio devastanti.
Materiali che si autotemprano o variano le loro caratteristiche meccaniche se sottoposti al calore, materiali  di difficile truciolabilita’, materiali durissimi, che usurano utensili comunque sofisticati, ( e comunque costosi !), lavorazioni da eseguire solo dopo trattamenti termici. Non ultimo, le bave ! Vanno tolte, e spesso costa quasi piu’ togliere le bave che la lavorazione.
L’erosione a filo ! Spesso e’ l’ unica soluzione per certe lavorazioni su certi materiali.
E per anni e’ stata la soluzione adottata. Ma i costi dell’erosione a filo convenzionale sono talmente elevati che solo particolari settori se lo possono permettere. Per molte lavorazioni le caratteristiche dell’ erosione a filo tradizionale sono superflue, ed in questi casi troppo costose. Talmente costose da farne scartare l’ utilizzo.

E.cut, con un costo complessivo di esercizio, ( corrente, filo, liquido di raffreddamento, manutenzione annua ), che non supera i 2 euro ora, mai, neanche usando i modelli piu’ sofisticati o di grandi dimensioni, apre ad utilizzi fino a prima impossibili.

Cromo Cobalto , lega per protesi,materiale aeronautico, motoristico… fantastico materiale che trova nella stampa 3D uno dei suoi utilizzi piu’ attuali, ed in forte sviluppo !
Poi pero’ bisogna staccare i pezzi dalla piastra su cui sono stati deposti. E qui cominciano i dolori. Inizialmente si utilizzava  una sega a nastro, ma oltre allo spreco di materiale dovuto allo spessore del nastro, si rompevano i delicati pezzi stampati. L’ erosione a filo e’ stata la scelta obbligata, ma il costo molto elevato dovuto alla resa bassissima, pena rottura del filo a causa delle difficolta’ del raffreddamento, ha spalancato l’ adozione di E.cut.
Nessun problema di taglio interrotto o di lavaggio. Estrema facilita’ d’ uso, e costo di esercizio bassissimo.

I leader della stampa 3D adottano E.cut.

Acciai inossidabili, e pezzi di grandi dimensioni. 
Ottenere settori da anelli di questo tipo sembra una cosa semplice. Quando poi ci si trova di fronte a materiali tipo Acciaio Inox, Inconel, etc. la faccenda si complica.  Bisogna creare anelli con abbondanti sovrametalli, tagliare con seghe a nastro, riassiemare il tutto, e riprendere di nuovo di tornio. Costi altissimi.
Anche qui l’ erosione a filo e’ la soluzione. E fino a quando le dimensioni sono contenute, tutto ok, ma quando superiamo anche solo 300 mm di diametro, i costi schizzano ! Erosioni a filo di grandi dimensioni hanno costi di acquisto, e costi di esercizio molto elevati, ed in giro ce ne sono poche !

E.cut non ha vasca di lavaggio. La piu’ piccola puo’ tagliare in due una anello da 640 mm di diametro. A costi di acquito e costi di esercizio irrisori rispetto ad una erosione a filo convenzionale.

Grande puleggia in Ghisa al Cromo Nichel. 
Eseguire la chiavetta di trascinamento su un altezza di oltre 600 mm non e’ cosa agevole. Se poi si tratta di materiali di questo tipo la faccenda diventa impegnativa. E soprattutto molto costosa.  Se il diametro del foro lo permette, con una grossa alesatrice dotata di testa angolare si puo’ fare. Altrimenti bisogna avere una grossa stozzatrice, o trovare qualcuno che faccia lavori conto terzi. Magari con l’ erosione a filo ….., ma bisogna affidarsi a qualcuno che ne possieda una di queste dimensioni, attendere la sua disponibilita’, ed accettare i suoi costi.
In ogni caso il costo per eseguire una semplice chiavetta diventa veramente notevole.

Con E.cut diventa facile, e soprattutto, molto poco costoso !
A partire dai modelli piu’ piccoli l’ altezza di taglio e’ di 500 mm. Ma sono fornibili modelli che tagliano 800 mm, ed anche 1000 mm. Le portate sul bancale partono da 300 Kg, ed arrivano a 5000 kg, con dimensioni della tavola che arrivano a 1600 x 1000 mm.
E sempre senza vasca, quindi con dimensioni praticamente senza limiti dei pezzi da lavorare.

.Suzhou BAOMA e’ il piu’ grande costruttore di macchine EDM, con piu’ di 20 anni di esperienza, 50.000 metri quadri di coperto, 300 dipendenti. Piu’ di 48.000 macchine installate in oltre 60 paesi.

Genesi e’ il partner per l’ Europa.

Suzhou BAOMA e GENESI saranno presenti alla EMO
Padiglione 13  Stand D85 Entrata West 1

Passano gli anni

Otto anni fa acquistare una E.cut poteva sembrare un azzardo. Un grosso azzardo ! La tecnologia era quasi totalmente sconosciuta, e solo un attenta analisi e la fiducia in nel fornitore, Genesi, aveva portato alla decisione di acquistare.  Ed in effetti qualche problema iniziale c’era stato, ma con buona volonta’ ed attenzione in breve tempo si era “entrati” nella tecnologia E.cut.
Nell’ arco di un anno una seconda macchina era stata acquistata, di grosse dimensioni, e l’ esperienza si andava sempre accrescendo.
Cio’ ha permesso di acquisire una grossa commessa, da una importante multinazionale, ed allora, via, quattro conti ed altre tre macchine di nuova generazione acquistate.
Anche considerando che ,con le aggiunte tecnolgiche apportate da Genesi, le macchine rientrano ampiamente nei parametri richiesti dalla legge 2017 per l’iper ammortamento al 250% !!

Uno dei punti fondamentali della nuova legge e’ infatti quella di aiutare l’ introduzione degli ausili digitali nell’ ambiente di produzione.
La messa in rete aziendale delle macchine di produzione, il loro controllo e gestione da remoto, la rilevazione “on line” dello stato delle macchine, e la consuntivazione in tempo reale dei tempi impiegati.
Queste caratteristiche erano comunque gia’ implementate da Genesi sulle macchine E.cut, ed alcune sono state aggiunte, per meglio ancora aderire allo spirito della legge. (Ed ovviamente goderne dei vantaggi fiscali !)
Per esempio, e’ stata aggiunta la funzione di invio di una email o di un messaggio se la macchina si ferma, in modo da dare la possibilita’ da remoto di vedere lo stato della macchina, e sempre da remoto, la possibilita’ di farla ripartire.
Il diario di lavoro della macchina puo’ risiedere sul controllo della macchina stessa, puo’ risiedere su un server in rete, o su un server remoto messo a disposizione da Genesi, e consultabile anche da Smartphone o Tablet.
Il sistema prevede di indicare la commessa in corso, ed automaticamente rileva dalla macchina stessa gli stati di lavoro, ferma, e quasto, senza intervento dell’ operatore.

Il CNC che comanda il lavoro di E.cut e’ basato su un potente PC industriale con sistema operativo W7 PRO con regolare licenza. Cio’ permette il costante aggiornamento del sistema operativo, e la protezione da virus ed intrusioni. Il CNC di E.cut puo’ entrare in ogni momento in rete Ethernet, quindi ogni cliente gode della teleassistenza sia da parte di Genesi, che eventualmente direttamente dal servizio di assistenza del costruttore. ( Solo macchine E.Cut hanno questa possibilita’ ! ).
Uno dei requisiti impliciti della legge sull’ iper ammortamento e’ la facilita’ e la semplicita’ di utilizzo.
E.cut ha prevenuto i tempi, essendo dotata di un manuale a bordo macchina consultabile a macchina in lavoro. Nel manuale, impostato come un Help di Windows, ed installato anche in formato PDF, sono state privilegiate le spiegazioni con immagini, ed in molti casi e’ possibile visualizzare parti della macchina in 3D, con un programma che permette di ruotare, ingrandire, e visualizzare esplosi o sezioni.
Anche ad operatori non specializzati viene data la possibilita’ di intervenire rapidamente per manutenzioni e per gestire i parametri di lavoro.

.

Esponiamo alla EMO di Hannover.
Venite a vedere le nostre macchine !
PADIGLIONE 13       STAND D 85

E le stelle stanno a guardare

Non e’ certo E.cut la stella dell’ officina !
Come una Cenerentola e’ spesso relegata in un angolo.
Torni pluri mandrino e pluri assi, sofisticati centri di lavoro, fresatrici a piu’ assi controllati, e… costosissime macchine ad elettroerosione fanno bella mostra di se’. Esse sono le stelle nel firmamento dei reparti di produzione.
Ma la situazione economica attuale porta spesso ad una riduzione dei quantitativi che mette in crisi le “stelle”. Infatti macchine sofisticate permettono si’ una riduzione dei costi, ma a prezzo di alti investimenti in attrezzature ed utensili, ed a lunghi tempi di approntamento e di messa a regime. Costi e tempi che con bassi quantitativi non sono piu’ affrontabili.

Le “stelle” ad otto denti che si vedono in queste immagini sono un esempio.
Si devono produrre poche dozzine di pezzi, in acciaio inox di vari tipi, ostico e fastidioso da lavorare. Si deve ottenere una buona finitura, e tolleranze molto strette, entro il centesimo di millimetro.

E, come sempre piu’ spesso accade oggi, il tempo di consegna era il consueto “SUBITO”. Il tempo per realizzare uno staffaggio ad hoc per la fresatrice a controllo e per approvvigionarsi degli utensili adatti a lavorare questi materiali superavano gia’ i tempi di consegna richiesti.
L’ unica soluzione sembrava quindi l’ elettroerosione a filo. Ma il terzista/stampista a cui ci si rivolgeva in questi casi non dava disponibilita’ immediata ne’ date certe. Non solo, ma il prezzo richiesto era decisamente elevato.

La lavorazione con E.cut e’ stata effettuata ad un costo di una decina di volte inferiore a qualsiasi altro metodo, compreso l’ elettroerosione a filo con macchine convenzionali. La realizzazione dell’ attrezzo di staffaggio ha richiesto meno di un ora, In un solo piazzamento vengono realizzati tutti i denti della circonferenza, con una precisione ottima. Cambio pezzo in qualche minuto, poi ore di taglio senza alcun operatore, giorno e notte, sabato e domenica. 
Un ottima commessa per il terzista proprietario della E.cut.

E le stelle sono state a guardare….

Questo qualche anno fa, con la prima E.cut.

Adesso sono cresciute !

.Esponiamo alla EMO di Hannover.
Venite a vedere le nostre macchine !
PADIGLIONE 13       STAND D 85